Polarquest e discendenti incontrano Papa Francesco

Una delegazione di Polarquest e discendenti dell'equipaggio dell'Italia dopo l'udienza in Piazza S. Pietro
Una delegazione di Polarquest e discendenti dell'equipaggio dell'Italia dopo l'udienza in Piazza S. Pietro (photo credit: Mike Struik)

24 maggio 2019 - Stefania Capobianco

Mercoledì 22 maggio, in occasione del 91esimo anniversario della trasvolata polare del Dirigibile Italia, una delegazione di Polarquest e discendenti dell'equipaggio dell'aeronave ha incontrato in udienza il Santo Padre.

Nipote dell'omonimo marconista dell'Italia, Giuseppe Biagi jr ha raccontato a Sua Santità l'operazione Polarquest2018 omaggiandolo con alcuni doni in memoria delle vittime del tragico evento che ha colpito la spedizione di Umberto Nobile il 25 maggio 1928.

Giuseppe Biagi jr offre in dono a Papa Francesco una foto ricordo di Polarquest ed una copia del fazzoletto benedetto appartenuto all'equipaggio del Dirigibile Italia, incorniciato con una loro antica foto.
Giuseppe Biagi jr spiega a Papa Francesco l'operazione Polarquest2018 e la commemorazione delle vittime del dirigibile, offrendogli doni in nome dei discendenti e dell'equipaggio Nanuq.

I discendenti hanno donato al Santo Padre una copia, conforme in ogni suo dettaglio all'originale, del fazzoletto benedetto (con la "Preghiera degli esploratori dell'Italia") appartentuto ai membri della missione artica ed una foto dell'equipaggio di Nobile. Polarquest ha invece donato una foto ricordo della commemorazione celebrata a bordo di Nanuq per le vittime del 1928 in pieno oceano artico, al punto esatto di caduta del dirigibile (81° 14’ N 25° 25’ E).

Massimo Inguscio e Giuseppe Biagi jr con i doni per il Papa
Massimo Inguscio (Presidente del CNR) e Giuseppe Biagi jr (Nipote del marconista dell'Italia Giuseppe Biagi).

Piazza S. Pietro il 22 maggio
Piazza S. Pietro il 22 maggio (photo credit: Mike Struik).